Compost

Toccalo con mano, è un ammendante organico e biologico senza aggiunte di torba. Portalo a casa con un contenitore riutilizzabile e usalo per migliorare la fertilità del tuo orto o per ridare vitalità alle tue piante in vaso.

Compost (Foto: W.Zanardi).

Cos’è
Il Compost è un ammendante organico prodotto a partire da scarti vegetali (potature, ramaglie e sfalci d’erba) che provengono dalla manutenzione di parchi e giardini. Questi materiali sono sottoposti ad un processo tecnologico virtuoso di recupero biologico, il compostaggio che sfrutta la degradazione microbica, accelerando e perfezionando il processo naturale a cui va incontro qualsiasi sostanza organica in natura.

A cosa serve
Il Compost è in grado di riportare al terreno la giusta dose di sostanza organica e di elementi nutritivi, migliorandone la struttura e conservandone la fertilità nel tempo. E’ un prodotto dotato di pregevoli caratteristiche agronomiche e perfettamente compatibile con l’ambiente per cui si puoi impiegare nei rinvasi, nell’orto, nel frutteto e nel giardino (prato, aiuole, fioriere).
 
Utilizzalo per:
• arricchire di sostanza organica il terreno;
• migliorare le caratteristiche fisiche e biologiche del suolo;
• apportare elementi nutritivi alle colture.

Da dove viene
E’ prodotto a partire da soli scarti vegetali conferiti presso gli Impianti di Compostaggio gestiti da Tecnogarden Service srl. Il Compost è sottoposto a rigorosi controlli effettuati da Laboratori accreditati e nel 2004 ha conseguito il Marchio di Qualità CIC rilasciato dal Consorzio Italiano Compostatori che identifica prodotti di qualità ottenuti nel rispetto della normativa vigenti sui fertilizzanti (D.Lgs 75/2010).

Perché usarlo
Fai una scelta ecologica e sostenibile per l’ambiente, è un prodotto che, oltre ad essere strategico per il recupero della frazione organica nell’ambito della gestione dei rifiuti urbani, rappresenta la chiusura del ciclo della sostanza organica e contribuisce al sequestro di carbonio e quindi alla riduzione dei gas serra.

Come usare il compost
 
• Per l’orto
Per l’orto prima della semina o del trapianto, distribuite il compost 8-10 kg/mq sul terreno del nostro prodotto Orto e interratelo con una vangatura nei primi 10-15 cm. Eseguite la stessa procedura anche in autunno su suolo libero, distribuite il compost e poi incorporatelo nel suolo subito.
 
• Per il tappeto erboso
Con un rastrello arieggiatore create delle fessure sulla superficie del vostro prato e poi distribuite uniformemente 5 kg/ mq del nostro prodotto Prato. Con un rastrello a ventaglio pettinate il prato per far in modo che il prodotto riempia le fessure.
 
• Per creare un nuovo prato
Usate la nostra mescola di compost e sabbia silicea Prato in dosi di 5 kg/mq. Distribuite uniformemente la mescola e poi seminate direttamente.
 
• Per le piante in vaso
In funzione della grandezza del vaso, mettiamo a disposizione una miscela fatta per metà da compost e metà di terra di coltivo, Vaso. Per il rinvaso di piante acidofi le (azalee, rododendri, gardenia, ecc.) creare una miscela con non più del 30% di VASO usando per il resto terra.
 
• Per controllare le erbacce
Crea uno strato di 4-6 cm di compost o di 5-10 cm dei nostri Pacciamanti sulla superficie del terreno da tenere pulito dalle piante infestanti. Puoi fare lo strato anche lungo la fila di piantagione o intorno alla singola pianta. In genere l’operazione deve essere ripetuta ad ogni stagione vegetativa.

 
Il nostro compost è prodotto presso gli Impianti gestiti da Tecnogarden Service srl iscritta presso il Ministero delle attività Agricole e Forestale al Registro dei Fabbricanti di Fertilizzanti con codice 00146/06, ed è sottoposto a rigorosi controlli effettuati da Laboratori accreditati. Nel 2004 ha conseguito il Marchio "Compost di Qualità CIC" rilasciato dal Consorzio Italiano Compostatori che identifica prodotti di qualità ottenuti nel rispetto della normativa vigenti sui fertilizzanti (D.Lgs 75/2010). Ad ogni lotto produttivo è associata per legge un’analisi chimica che mettiamo a disposizione.

Compost (Foto: W.Zanardi).